Arte
Provocare sempre

“Più di cinquant’anni di magnifici fallimenti”: la carriera fotografica di Oliviero Toscani in mostra a Otranto

Nato a Milano il 28 febbraio 1942. Fotografo di fama internazionale, forse, tra gli italiani, il più famoso e citato. “Troppo facile il reportage, arrivi dove si scannano, trovi il sangue, i morti, scatti foto dappertutto e l’impaginato è bello che fatto”. Le sue foto sono esposte nei più importanti musei di arte contemporanea del mondo.

Campagna per i jeans Jesus: “Chi mi ama mi segua” stampato sulle natiche della modella Donna Jordan (madre di Kate Moss)

Nel 2007 polemiche per la sua campagna choc “no anorexia” che ritraeva l’attrice francese Isabelle Caro (trentatrè chili di ossa) nuda e con evidenti danni da anoressia. Toscani: “Una sorta di Urlo di Munch” contro la malattia

Theutra e Comune di Otranto propongono, nelle sale del Castello Aragonese, una mostra che ne celebra la geniale carriera. L’esposizione mette in scena la potenza creativa attraverso le sue immagini più note e che hanno fatto discutere il mondo su temi come il razzismo, la pena di morte, l’AIDS e la guerra. Tra i lavori in mostra il celebre Bacio tra prete e suora del 1991, i Tre Cuori White/Black/Yellow del 1996, No-Anorexia del 2007 e tantissimi altri.

OTRANTO / CASTELLO 20.01.2018 > 31.03.2018
info@toscaniaotranto.it / www.toscaniaotranto.it

Alessandro Di Giacomo
1/2/2018