Moda
OSCAR 2017 // Hairstyling

Sorprendentemente è stato l’anno dei corti: pixie, undercut e una magnifica Halle Berry nel suo afro naturale
Emma Stone // Oscar 2017

Emma Stone // Oscar 2017

Una notte che verrà certamente ricordata per i fuori programma. Aveva aperto nei giorni scorsi la polemica fra Meryl Streep e Karl Lagerfeld che, avendo dichiarato che l’attrice aveva scartato all’ultimo momento un abito della maison Chanel perché pagata da un altro brand per indossare il proprio, ha dovuto smentire e scusarsi. Niente però a confronto con l’errore nella proclamazione del vincitore nella categoria più attesa: quel “miglior film” andato a Moonlight dopo essere stato erroneamente attribuito per qualche minuto al favoritissimo La la Land (che incassa comunque sei premi su 14 nomination, compresa la regia a Damien Chazelle e miglior attrice a Emma Stone).

Parata di star all’insegna del glamour hollywoodiano e dei classici colori da red carpet. Dal punto di vista degli hairstyle, è sorprendentemente stato l’anno dei corti. Michelle Williams ha accorciato e reso più platino il suo pixie cut, Janelle Monae e Ruth Negga hanno adornato il proprio con cerchietti preziosi, Scarlett Johansson ha di nuovo sfoggiato il suo undercut molto rock, Viola Davis è stata valorizzata da un corto con ciuffo pieno, illuminato da leggere schiariture.

Halle Berry // Oscar 2017

Halle Berry

Non ha avuto finalmente paura dei suoi capelli naturali Halle Berry, che ha mixato un classico abito da red carpet con una chioma riccia e voluminosa, alleggerita da méches bionde. Per il resto, molti i bob a varie lunghezze, con styling a onde piatte: ramati quelli di Emma Stone e Isabelle Huppert, più mosso ma molto elegante quello di Taraji P. Henson che, con l’abito a sirena in velluto blu notte con splendido scollo a goccia, contribuiva a creare uno dei look più da diva della serata.

Valentina Monti
27/2/2017